La caduta del muro di Berlino, 9 novembre 1989

LE MIE ESPERIENZE FINO AD OGGI

Apertura del Muro il 9 novembre 1989 a Berlino
Apertura del Muro il 9 novembre 1989 a Berlino © Lifestyle4unique
Lifestyle4unique, la rivista online della Generazione 35+
© Daniela Shams

La giornata è iniziata normalmente. C’è stata un’enorme crisi nella RDT, manifestazioni settimanali in tutto il paese, che un mese prima coprivano le celebrazioni per il 40° anniversario della RDT con una croccantezza stridula. Da allora non c’era più stata la pace, eppure dovevo essere a metà strada verso la calma. Perché nel settembre dell’89 ero appena diventata una madre ed ero, per così dire, nel mio mondo infantile. Cinque giorni prima avevo dimostrato insieme a mezzo milione di persone! per la conservazione, ma profondi cambiamenti nella RDT.

4 novembre 1989, Dimostrazione della RDT, Muro di Berlino
4 novembre 1989 e ci sono 500.000 persone in Alexanderplatz © Lifestyle4unique

Era sera, ero seduto sul tappeto rosso di feltro del mio monolocale con bagno esterno. Il piccolo Robotron TV era acceso, il notiziario intorno alle 8:00. Poi una trasmissione speciale per una conferenza stampa convocata in fretta. Era importante ascoltare in questi giorni. In contrasto con gli anni precedenti. Günther Schabowski al lungo tavolo risponde alle domande dei giornalisti. Sempre un po’ compiacente, ancora più aperto e – se così si vuol dire – un po’ comprensivo. Qualcuno entra di lato e gli consegna una pagina di din-A4. Una carta. Vedo ancora la figura in abiti scuri. Schabowski legge, immediatamente i giornalisti lo attaccano, quale messaggio avrebbe ricevuto.

Anzeige

A quanto pare non lo sa, perché deve leggere il messaggio: “….i cittadini della RDT possono lasciare la RDT con una domanda precedente”. Parole che non dimenticherò mai nella mia vita. Le voci si alzano, i giornalisti gridano, chiedono che cosa significherà questo. Solo ora diventa ancora più chiaro che non può dire molto. Il Politburo non informa Schabowski su questioni importanti? – mi passa per la testa. Egli ripete nuovamente la frase e afferma di non sapere esattamente cosa significhi anche questo. Leggete ancora una volta la frase e cercate di mantenere la vostra compostezza. Si può vedere l’incertezza in lui, comprensibilmente, in una conferenza stampa dal vivo. Egli seleziona attentamente ogni parola e cita semplicemente ogni parola. Che cosa farà? L’impotenza è nel suo volto.

Ho sentito quella frase, il tumulto, e continuo ad andare avanti. Seduto nel mio piccolo appartamento sperimento il momento che probabilmente è stato un incidente. A quanto pare, il governo della RDT è più preoccupato per le migliaia di richieste di emigrazione che erano già sul tavolo. Dubito che Erich Honecker e i suoi seguaci avessero pianificato o inteso l’apertura del Muro in questo modo. Non sospetto ancora nulla. Avevo già deciso di non andare comunque in Occidente. Quando hai vent’anni e i piedi vengono trascinati sotto terra, fa male. Il dolore della perdita è rimasto. La sensazione di essere stato ribaltato e non richiesto di avere un vestito nuovo. Chi dice a questo punto: Sì, la RDT era alla fine non capisce per cosa abbiamo combattuto.

La parete ha dei buchi e tutti guardano attraverso.
La parete ha dei buchi e tutti guardano attraverso. © Lifestyle4unique

Mezz’ora dopo, un amico sta davanti alla porta e mi chiede cosa ne penso della conferenza stampa. Rispondo che probabilmente si applica solo alle applicazioni di viaggio e di uscita. E che forse ora possiamo viaggiare dove vogliamo senza una lunga attesa. Pensa che il confine sia aperto. Non posso immaginare. Vuole andare in Friedrichstrasse e Porta di Brandeburgo. Ci penso, e circa dieci minuti dopo mi sto sballando. Sento auto che guidano per strada. Sono veloci, troppo veloci! Uno, poi un altro. Un altro. Il mio bambino dorme e penso: vado in macchina fino a Bornholmer Strasse. Vivevo vicino alla chiesa di Getsemané e non era lontano. Ci sono andato con la sensazione assolutamente sicura che sarei tornato a casa in pochi minuti. Ancora più auto a Schönhauser Allee, tutte piene fino all’ultimo posto a sedere.

Quando arrivo al ponte di Bornholm, non guardo solo a migliaia di persone, ma anche al ponte! Quella era una zona di confine e fondamentalmente già a ovest! In piena estasi ho passato il controllo di frontiera, il ponte – tutti piangevano, ridevano, si rallegravano. Tutti gli uomini erano in uno stato di frenesia. Mentre stavo ancora facendo il primo passo verso Berlino Ovest, mi chiedevo se la polizia di frontiera mi avrebbe lasciato di nuovo indietro. Volevo tornare a casa mia, il mio paese.

La mattina seguente era più che folle, nel senso più vero della parola. La vita era sottosopra. Tutte le stazioni di notizie hanno mostrato le immagini dell’apertura del confine, non solo a Berlino, ma anche lungo il confine della Germania occidentale. Ridere, persone felici.

Tutto ciò che è seguito appartiene ad un’altra storia ….

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


I confirm

*


*

code